La criptomoneta DT Coin, a circa due anni dalla sua nascita, si sta rivelando uno degli investimenti nel campo delle valute digitali tra i più affidabili e promettenti. Questo grazie all’intuito del suo inventore, l’imprenditore romano Daniele Marinelli che ha individuato il sistema migliore per rendere davvero sicuro il valore dei DT Coin – a dispetto di altre criptovalute come il famoso Bitcoin o Ethereum, ecc. -. Affrontando i suoi studi economici infatti, Daniele Marinelli ha saputo caratterizzare il proprio mondo digitale grazie ad un’altra grande intuizione, quella secondo cui il nuovo “Eldorado” di questo mondo sempre più interconnesso, sia rappresentato dai cosiddetti Big Data. Ciascuno di noi, quotidianamente, trasmette dati in modo fluido, libero, continuativo e spesso inconsapevole, in cambio di servizi di vario genere. Pensiamo all’iscrizione su un sito web, all’apertura di un conto in banca: perdiamo ogni giorno un pezzo della nostra privacy senza interrogarci sul reale prezzo che stiamo pagando. Vale davvero la pena “regalare” i nostri dati in cambio di ciò che stiamo ottenendo? Daniele Marinelli ha trovato la chiave per la realizzazione del suo ecosistema digitale: i nostri dati valgono e meritano di essere “retribuiti” in modo adeguato. Il DT Coin è la moneta digitale del futuro, proprio perché basa il suo valore sull’enorme mole di dati (il Big Data per l’appunto), che ogni giorno vengono generati.

La quotazione del DT Coin non avviene nel coinmarketcap (come per i Bitcoin o altre monete virtuali), bensì nel Forced Market Cap (FMC). Questo vuol dire che, essendo il FMC un exchange che è stato studiato appositamente per ‘forzare’ il valore delle criptomonete in esso presenti (attraverso un apposito algoritmo che gli consente di farlo), la DT Coin non risulterà mai una valuta digitale ‘volatile’ come le altre sopra citate. Il suo valore sarà sempre stabile e anzi, è destinato esclusivamente a crescere. Ad oggi, quella che nel 2017 sembrava una semplice ‘intuizione’ di Daniele Marinelli (che fin dalla nascita del DT Coin è stato bombardato da una serie di informazioni denigratorie, atte a minare il suo lavoro e la criptomoneta da lui ideata), si sta rivelando invece una delle monete digitali tra le più stabili e sicure al mondo. Tant’è che, a differenza di due anni fa, quando il DT Coin poteva essere acquistato a soli 0,05 centesimi, oggi chi vuole comprare una di queste valute virtuali deve spendere 26 Euro. Ma non solo: oggi sono già numerosissimi i negozi e gli esercizi in Italia e nel mondo che accettano pagamenti in DT Coin (e il numero è destinato a crescere molto entro la fine del 2019…). Questo rivela la vera natura della criptovaluta di Daniele Marinelli, che non è speculativa come lo sono invece tutte le altre: il DT Coin è realmente spendibile e democratico, ed è quindi destinato a rivoluzionare per sempre il modo in cui concepiamo l’economia dei dati online.